game and again

E questa volta? Ce l’avrà fatta?

E’ la domanda che più frequentemente ci si pone quando si entra nell’ottica del Game - quando si capisce come funziona, quali sono i rischi e quanti gli abusi subiti - ma soprattutto è la domanda che ci si pone quando quel racconto proviene da una persona che improvvisamente ha un nome proprio, una voce che si impara a riconoscere ed uno sguardo che nonostante tutto sa sorridere.

Emozioni di rabbia e vergogna si alternano: nessuno dovrebbe vivere così, sospeso tra il fango e l’incertezza; è difficile evitare che il volto si contragga, non sentire sulle spalle il peso di un’indefinita responsabilità e la necessità di dimostrarsi solidali prevarica ogni cosa. Ma è proprio in quel preciso momento che avviene qualcosa di straordinario: il regalo di un sorriso che invita a non restare sopraffatti ma piuttosto a continuare a battersi contro l’ingiustizia dei respingimenti.

Le foto presentate sono state scattate nel mese di febbraio 2022 nelle jungle e negli squat nelle campagne intorno a Bihac, nella Bosnia settentrionale a pochi km dal confine con la Croazia, teatro dei più duri e crudeli pushback effettuati dalla polizia e dall’autorità di frontiera.